domenica 14 settembre 2014

Pasta fredda al salmone



Vi siete accorti che l'estate non è mai arrivata? Bene, questo Settembre però, almeno uno scampolo di sole ce lo sta facendo vedere. Ecco allora che, tra le varie ricette di cucina che potevo proporvi, questa veloce pasta fredda cade a fagiolo.
Tutti, me compresa, siamo abituati alle penne al salmone calde, magari con aggiunta di panna. Che fanno taaanto anni '80.
Buone eh!
Ma oggi vi passo una ricetta molto più easy, senza panna e con salmone affumicato aggiunto a freddo. Provatela e mi saprete dire se non è buonissimissima.

mercoledì 10 settembre 2014

Quella volta che ho preparato la Nutella fatta in casa


Il vasetto che vedete in foto altro non è che il risultato di un duro lavoro che mi ha vista prima fallire e poi risorgere dalle mie ceneri e creare una simil Nutella per la rubrica di Ricette che curo su Donna Fanpage.
Sono partita da una ricetta di famiglia, ho voluto cambiare e ho chiesto aiuto ad amici e lettori sui miei profili Facebook. E' stata una ricetta in divenire, è stata una lotta con l'olio che si separava dal resto (olio? quale olio direte voi, l'olio non c'è in questa ricetta. Si....in questa...appunto) E' stata un messaggiare all'amico mentre sei alle casse con il cioccolato di fortuna per la prova finale, insomma è mia e vostra insieme. 
La sopracitata ricetta la trovate ovviamente sul sito di Donna Fanpage (questo il link per visualizzarla). 
Il fatto curioso è che non la trovate solo qui.
Si perchè alcuni siti conosciuti come Today.it e SoloGossip.it hanno visto bene di prendere gli ingredienti, cambiare qualche parolina nella premessa e nella descrizione del procedimento e schiaffarsela sulle loro pagine.
Il caso ha voluto che io, su Facebook, segua proprio Today (anzi, Roma Today per la precisione). 
Vedere il loro post in bacheca, con la scritta "Nutella fatta in casa. Ecco come prepararla" mi ha inscuriosita, visto che giusto il giorno prima l'avevo postata per Donna Fanpage.
Aprire e trovarci i miei ingredienti, le mie dosi, le calorie e i miei tempi di preparazione (nonché molte delle frasi con cui l'ho descritta) mi ha fatto uno strano effetto. 
Da una parte mi ha infastidita, dall'altra mi ha paradossalmente gratificata. 
Essere copiata. 
Come succede alle più grandi.
Figo.
O forse no.
SoloGossip.it ha fatto di meglio, ha titolato l'articolo quasi in codice, quasi volesse ammettere "non è farina del nostro sacco ma non possiamo dirvi di più". 
Il titolo (lusinghiero?) è: Nutella fatta in casa: ecco la meravigliosa ricetta che ha conquistato il web.
E ci credo! Se continuate a passarvela sta ricetta, la mia Nutella conquisterà il mondo!
Infine il meglio del meglio: NuovaRassegna.it che dopo aver sgraffignato la ricetta su Today ha giustamente citato la fonte, senza sapere che a sua volta Today l'aveva rubata a me. Insomma tra i due litiganti il terzo cita (peccato che citi la persona sbagliata).
Considerando che io lavoro per Donna Fanpage e che quindi la ricetta in realtà non l'hanno rubata a me ma prima di tutto a quelli di Fanpage la questione riguarda loro e non serve che io dica o faccia più di quello che sto già dicendo e facendo ora, scrivendo questo post e andando (tipo tra cinqueminuticinque) a sputtanarli commentare e linkare la mia originale ricetta sulle loro pagine. 
Certo è che il copia incolla in editoria è sempre più tristemente frequente, e che ora capisco le parole della mia cara amica Laura, quando mi dice che chi è bravo - nel marasma del web - alla fine emerge. 
Emerge per forza, perché la differenza balza agli occhi, la differenza tra chi lavora e si fa il culo (al pc e ai fornelli) e chi no.  
E da domani, sicuramente, smetterò di seguire Roma Today, anche se mi dava notizie costanti sulla città in cui vivo, perché mi fa troppo schifo un sito che ruba.
Chi ruba non dev'essere seguito. In alcun caso.

mercoledì 3 settembre 2014

Se il buongiorno si vede dal rientro...


Oggi, anzi l'altro ieri, avrei dovuto stupirvi con effetti speciali, avrei dovuto parlarvi delle mie ferie (31 giorni, ricordate?) delle mie vacanze Altoatesine/Austriache, avrei dovuto ma...la Telecom ha deciso che anche no.
Dopo quattro anni di onorato servizio, senza se e senza ma, senza lamentele e disagi di alcun tipo, la nostra ADSL ha deciso di venir meno e così lavorare da casa è diventato praticamente impossibile. 
E io che volevo mostrarvi i luoghi delle mie vacanze  mi son dovuta mettere in stand by, in attesa di trovare una wii fii disponibile, in quella mattinata ritagliata per far altro che ora diventerà invece un corso intensivo di sfruttamento ADSL altrui per fini privati.
Il tutto, vi anticipo, è stato fotografato con un iPad che non sempre ha reso l'idea, ma che pesava zero, ingombrava meno ed era comodo dieci, perchè va bene che sono blogger ma la reflex sempre dietro anche no, ho preferito una vacanza privata, non social, una vacanza che fosse solo mia, solo dei miei occhi, senza l'ansia da mondo 2.0 del "oddio devo fotografarlo perchè poi lo posto/instagrammo/twitto".
Ho accumulato un po' di materiale, meno di quanto avrei potuto, per condividere giusto qualche sensazione con voi, per mostrarvi che esistono luoghi incontaminati dove puoi camminare per otto ore e incontrare meno di dieci persone, luoghi atti al relax più completo se non fosse che - come ho appena detto (non vorrei vi fosse sfuggito) - in una camminata di otto ore che relax vuoi trovarci? 
La mia è stata più che altro una vacanza al massacro, fisico e alimentare. Ho pasteggiato a pranzo e a cena con birra e/o radler, io, io che quasi non bevo e che solitamente ai pasti ordino acqua liscia.
Ho cenato con cinqueportatecinque ogni giorno. 
Dolce compreso.
Alla fine son tornata a casa con l'idea fissa "voglio un'insalata e voglio andarci avanti tre giorni". Ma per dovere di cronaca aspettatevi un post con tutte le leccornìe che ci siamo concessi in quei giorni, aspettatevelo presto o almeno quando i miei scadenti mezzi di comunicazione me lo permetteranno.

giovedì 31 luglio 2014

Torno a Settembre...

 Io adoro i film americani del ventennio 50/60, non so se ve l'avevo mai detto.

Ce n'era uno, con Rock Hudson e Sandra Dee, ambientato in Italia, che si chiamava appunto "Torna a Settembre".
E io difatti me ne vado, mi eclisso, mi assento 31 giorni dal blog, dalla pagina Facebook di Cucino da Vicino, dai miei profili Twitter e Instagram.

Me ne vado per poi poter tornare. Se non me ne andassi per così tanto tempo non credo che riuscirei ancora a fare quello che faccio. Sono troppo stanca, esausta ed esaurita. Ho bisogno di riposo e di ricaricarmi, ho bisogno di non fare nulla, di svegliarmi la mattina e magari decidere di stare a letto fino a mezzogiorno oppure di alzarmi alle sette per andare a passeggiare in spiaggia e rientrare quando il caldo è troppo anche per la tintarella.

Ho bisogno di cambiare aria per un po' (e per questo me ne andrò, lontano da qui) ma anche di godermi Roma quando non c'è nessuno, quando solo io che sono romana so dove andare, i posti dove mangiare, i giardini dove sostare in panciolle o i percorsi più scenografici per attraversarla  a piedi.

Ho voglia di camminare e di nuotare, di leggere e di fare shopping ragionato.

Ho voglia di godermela. Tutta.
Questa estate che non esiste ma che esiste solo nelle cinque lettere che compongono la parole "ferie".

See you soon. Guys

mercoledì 30 luglio 2014

Ricetta occhio di bue

Leggi questo post se...
ti piace far del bene



Un giorno mi è arrivata questa mail, in cui mi si proponeva di sponsorizzare un sito che vendeva on line prodotti alimentari derivanti dal lavoro di monaci, suore, frati e via dicendo. Letto di cosa si trattava mi son detta "come dire di no? come non farlo (gratis)? Pena le ire divine (non si a mai!)"
E poi, chi di voi non conosce le famose cioccolate Trappiste, tanto per fare un nome? Ne ho reminiscenze sin dalle medie; ricordo una gita in una cittadina dove le acquistammo, ricordo questa stecca di cioccolata al latte con le nocciole intere, ricordo la gomma da masticare nei capelli della più stronza della classe, ricordo che ne ridemmo tanto, io e la mia compagna di banco, ricordo che a tirargliela scoprimmo poi esser stato il ragazzino che ci piaceva, nel tentativo di catturare la sua attenzione (per quanto io, oggi, ucciderei per molto meno). Ricordo che smettemmo di ridere ma per fortuna avevamo la cioccolata dei Trappisti a consolarci.

Per questo e per tutta una serie di motivi ho accettato volentieri di segnalarvi il sito Holyart.it che - nella sezione "prodotti dei monasteri" - vi permette l'acquisto online di pistilli di zafferano, composte, liquori, mieli e moltissimi altri prodotti.

Oltre a questo vi lascio, per la vostra incommensurabile gioia, l'ennesima ricetta: quella degli occhi di bue farciti con Conserva dolce di melanzane preparata nel Monastero delle Carmelitane Scalze di Sanremo (mica cotica!)

venerdì 25 luglio 2014

Doggy bag e ipocrisia. Un pezzo per Cavolo Verde

fonte: Google immagini
A volte capita. Capita di essere fieri di un articolo, perché racchiude quello che pensi e qualcuno ti da la possibilità di scriverne. 
E' capitato oggi, con questo articolo uscito su Cavolo Verde che parla delle doggy bag, le confezioni di cibo avanzato dai pasti nei locali, che in molti paesi viene consegnato ai clienti nel momento in cui vanno via, ma che in Italia genera ancora qualche perplessità.
Tengo molto a questo articolo e quindi non posso che consigliarvene la lettura, sulle pagine del Cavolo Verde.
Alla prossima...

venerdì 18 luglio 2014

Oggi mi trovate su Vanity Fair

http://www.vanityfair.it/vanityfood/piatti-d%27autore/14/07/18/ricette-facili-spiaggia-suggerite-foodblogger

Oggi, mi trovate ospite su Vanity Fair con una ricetta da spiaggia. 
Quale? Beh, io non vi svelo nulla, cliccate sul logo qui sopra e - dopo aver letto il pezzo - sfogliate la galleria.
See you soon, guys!

giovedì 10 luglio 2014

E fu così che avvenne il raduno del Cavolo...

Leggi questo post se...
vuoi sapere cos'ho fatto il 28 e il 29 giugno 2014


PREMESSA: le foto contenute in questo post sono di qualità medio/bassa tendente allo schifido. In viaggio con me ho portato solo un iPad. Ho voluto concedermi un week end di vero relax, senza pensare al lavoro. E le foto fanno parte del mio lavoro. E per una volta - mi capirete - ho voluto prendermi del vero tempo per me.

eh si, è stato proprio un raduno del Cavolo. Cavolo Verde, per esser precisi, il settimanale enogastronomico per cui scrivo oramai da anni, il primo che ha creduto in me (non solo il giornale ma anche la mia capa, la direttora, alias Laura Rangoni) il primo su cui ho iniziato a scrivere, scoprendo che intervistare chef e company, recensire libri e locali, scrivere di eventi food e wine mi piaceva, mi piaceva davvero molto, e volevo diventasse un lavoro.
Il raduno era previsto per la Domenica, il 29, io invece son partita da Roma il Sabato, direzione Bologna Centrale, con un viaggio di due ore che è stato breve quasi da non accorgersene. 

mercoledì 2 luglio 2014

Crostatina di frutta con confettura di pesche (RICETTA)



Vedete la crostatina di frutta qui sopra? E' una piccola delizia che ha allietato la nostra colazione domenicale qualche tempo fa. Si perché se durante tutta la settimana si corre come trottole a destra e a manca e anche il Sabato non ce n'è per nessuno, la Domenica è la mattinata dedicata alle mie colazione: crepe, torte, crostate e ciambelloni trovano la loro celebrazione in questa giornata, dedicata a santificare la lentezza di un pasto come si deve, fatto di dolci, bevante, frutta e relax.

martedì 1 luglio 2014

Giulia Nekorkina. Una Rossa in cucina da Assaggi d'Autore

 

Era un martedì sera fresco di fine Maggio quando mi sono recata a cenare da Assaggi d'Autore, il locale di cui vi ho già più e più volte parlato. Quella sera in cucina c'era Giulia, food blogger moscovita residente in Italia oramai da svariati anni, meglio conosciuta agli addetti ai lavori come La Rossa (dal nome del suo blog "Rossa di sera").
Da Assaggi, Giulia propone per 4 mesi un percorso gustativo serale che porta gli avventori del locale a provare (ma solo per una sera a settimana - il Venerdì) un menù a base di pesce povero, creato ad hoc per l'evento "Three Temporary Chef". Io ho avuto l'occasione di provarlo tutto e oggi sono qui a parlarvene. Ma andiamo per gradi.

giovedì 26 giugno 2014

Blogs Got Talent ! (by Chiara Giglio)


Vedete il banner qui sopra? Non è il solito premio tra blogger, è una piccola presentazione che di me ha fatto Chiara, de La Voglia Matta, il blog dove - tra una post e l'altro - segnala ai lettori altri blog che ritiene meritevoli.
La ringrazio per questo, per la sua gentilezza e la sua cortesia. Se volete fare un salto da lei, e scoprire che ricetta - tra le tante - l'ha colpita e ha deciso di condividere con i suoi lettori, vi basterà cliccare sul banner qui sopra.

venerdì 20 giugno 2014

Gomasio ( Ricetta )

Leggi questo post...
se vuoi limitare il sale a tavola


In realtà dal vivo è più chiaro di quanto non appaia sotto le luci della mia cappa. 
Trattasi del gomasio, un mix di sale e sesamo tostati che già da un paio di settimane hanno sostituito il sale a crudo sulle mie pietanze. 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...